clicca per info
  • GRUMO APPULA: ATTIVO L'AMBULATORIO INFERMIERISTICO NELL'EX OSPEDALE

    Sabato 12 Ottobre 2019 19:30
  • BINETTO: SABATO 26 OTTOBRE 2019 "6^ SAGRA DELLA CASTAGNA E SALSICCIA"

    Venerdì 11 Ottobre 2019 08:15
  • GRUMO APPULA: AL VIA I LAVORI AL PALAZZO MUNICIPALE E ALLA BIBLIOTECA

    Giovedì 10 Ottobre 2019 20:15
  • GRUMO APPULA: ARRESTATA COPPIA CHE TRASPORTAVA INGENTE QUANTITATIVO DI COCAINA IN AUTO

    Giovedì 10 Ottobre 2019 18:24
  • BINETTO: SABATO 26 OTTOBRE 2019 PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI MASSIMILIANO BARILE "KAPPADICUORI"

    Mercoledì 09 Ottobre 2019 08:25
  • BINETTO: ISCRIZIONI PER I CORSI "CULTURART"

    Mercoledì 09 Ottobre 2019 08:20

ALTRE NOTIZIE:     Binetto      Bitetto      Modugno      Toritto

Segui Redazione Online Network su Facebook


World Car - Toritto

WORLD CAR

Autocarrozzeria-Palmadessa

Cell: 324.5986467

Autocarrozzeria Palmadessa

RACCOLTA DIFFERENZIATA

G R U M O  A P P U L A

(esposizione mastelli tra le 5:00
e le 8:00)
Differenziata Grumo Appula

B I N E T T O

(esposizione mastelli tra le 19:00
e le 23:00)

IN VIGORE DAL 30/10/2016

Autocarrozzeria Palmadessa

RIFIUTI INGOMBRANTI
CHIAMARE:
GRUMO A. 800.036.459
BINETTO
800.999.531

Binettonline.it

Farmacie Grumo App.

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent

Condividi questa pagina con i tuoi amici

 

LA LAB BINETTO HA ADERITO ALLA CAMPAGNA REFERENDARIA DEL 25 APRILE: L'ACQUA NON SI VENDE

Scritto da Mimmo Savino    Sabato 24 Aprile 2010 09:54
altLa Libera Associazione Binetto ha aderito all' iniziativa nazionale l'Acqua non si vende e vi invita a sostenere la Campagna referendaria che partirà in tutta Italia, domenica  25 aprile 2010...







La LAB ha aderito all' iniziativa nazionale l'Acqua non si vende e vi invita a sostenere la Campagna referendaria che partirà in tutta Italia, domenica  25 aprile 2010.

Informatevi e informate. Firmate e fate firmare, perchè "Si scrive acqua ma si legge Democrazia!". Noi saremo in Piazza Umberto.  
 


alt



(a cura di Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )




 

REFERENDUM PER L’ACQUA PUBBLICA

 

ADESSO BASTA. SULL’ACQUA DECIDIAMO NOI!

 

 

Perché un referendum?

 

Perché l’acqua è un bene comune e un diritto umano universale. Un bene essenziale che appartiene a tutti. Nessuno può appropriarsene, né farci profitti. L’attuale governo ha invece deciso di consegnarla ai privati e alle grandi multinazionali. Noi tutte e tutti possiamo impedirlo. Mettendo oggi la nostra firma sulla richiesta di referendum e votando SI quando, nella prossima primavera, saremo chiamati a decidere. E’ una battaglia di civiltà. Nessuno si senta escluso.

 

 

Perché tre quesiti?

 

Perché vogliamo eliminare tutte le norme che in questi anni hanno spinto verso la privatizzazione dell’acqua.
Perché vogliamo togliere l’acqua dal mercato e i profitti dall’acqua.

 

 

Cosa vogliamo?

 

Vogliamo restituire questo bene essenziale alla gestione collettiva. Per garantirne l’accesso a tutte e tutti. Per tutelarlo come bene comune. Per conservarlo per le future generazioni. Vogliamo una gestione pubblica e partecipativa.
Perché si scrive acqua, ma si legge democrazia.

 

 

Dai referendum un nuovo scenario

 

Dal punto di vista normativo, il combinato disposto dei tre quesiti sopra descritti, comporterebbe, per l’affidamento del servizio idrico integrato, la possibilità del ricorso al vigente art. 114 del Decreto Legislativo n. 267/2000.
Tale articolo prevede il ricorso ad enti di diritto pubblico (azienda speciale, azienda speciale consortile, consorzio fra i Comuni), ovvero a forme societarie che qualificherebbero il servizio idrico come strutturalmente e funzionalmente “privo di rilevanza economica”, servizio di interesse generale e scevro da profitti nella sua erogazione. Verrebbero di conseguenza poste le premesse migliori per l’approvazione della legge d’iniziativa popolare, già consegnata al Parlamento nel 2007 dal Forum italiano dei movimenti per l’acqua, corredata da oltre 400.000 firme di cittadini.
E si riaprirebbe sui territori la discussione e il confronto sulla rifondazione di un nuovo modello di pubblico, che può definirsi tale solo se costruito sulla democrazia partecipativa, il controllo democratico e la partecipazione diretta dei lavoratori, dei cittadini e delle comunità locali.

 

 

BREVE GUIDA AI QUESITI REFERENDARI

 

 

PRIMO QUESITO: fermare la privatizzazione dell’acqua

 

Si propone l’abrogazione dell’art. 23 bis (dodici commi) della Legge n. 133/2008 , relativo alla privatizzazione dei servizi pubblici di rilevanza economica.

 

È l’ultima normativa approvata dal Governo Berlusconi. Stabilisce come modalità ordinarie di gestione del servizio idrico l’affidamento a soggetti privati attraverso gara o l’affidamento a società a capitale misto pubblico-privato, all’interno delle quali il privato sia stato scelto attraverso gara e detenga almeno il 40%.

 

Con questa norma, si vogliono mettere definitivamente sul mercato le gestioni dei 64 ATO (su 92) che o non hanno ancora proceduto ad affidamento, o hanno affidato la gestione del servizio idrico a società a totale capitale pubblico. Queste ultime infatti cesseranno improrogabilmente entro il dicembre 2011, o potranno continuare alla sola condizione di trasformarsi in società miste, con capitale privato al 40%. La norma inoltre disciplina le società miste collocate in Borsa, le quali, per poter mantenere l’affidamento del servizio, dovranno diminuire la quota di capitale pubblico al 40% entro giugno 2013 e al 30% entro il dicembre 2015.

 

Abrogare questa norma significa contrastare l’accelerazione sulle privatizzazioni imposta dal Governo e la definitiva consegna al mercato dei servizi idrici in questo Paese.

 

 

SECONDO QUESITO: aprire la strada della ripubblicizzazione

 

Si propone l’abrogazione dell’art. 150 (quattro commi) del D. Lgs. n. 152/2006 (c.d. Codice dell’Ambiente), relativo ala scelta della forma di gestione e procedure di affidamento, segnatamente al servizio idrico integrato.

 

L’articolo definisce come uniche modalità di affidamento del servizio idrico la gara o la gestione attraverso Società per Azioni a capitale misto pubblico privato o a capitale interamente pubblico.

 

L’abrogazione di questo articolo non consentirebbe più il ricorso né alla gara, né all’affidamento della gestione a società di capitali, favorendo il percorso verso l’obiettivo della ripubblicizzazione del servizio idrico, ovvero la sua gestione attraverso enti di diritto pubblico con la partecipazione dei cittadini e delle comunità locali.

 

Darebbe inoltre ancor più forza a tutte le rivendicazioni per la ripubblicizzazione in corso in quei territori che già da tempo hanno visto il proprio servizio idrico affidato a privati o a società a capitale misto.

 

 

TERZO QUESITO: eliminare i profitti dal bene comune acqua

 

Si propone l’abrogazione dell’’art. 154 del Decreto Legislativo n. 152/2006 (c.d. Codice dell’Ambiente), limitatamente a quella parte del comma 1 che dispone che la tariffa per il servizio idrico è determinata tenendo conto dell’ “adeguatezza della remunerazione del capitale investito”.

 

Poche parole, ma di grande rilevanza simbolica e di immediata concretezza. Perché la parte di normativa che si chiede di abrogare è quella che consente al gestore di ottenere profitti garantiti sulla tariffa, caricando sulla bolletta dei cittadini un 7% a remunerazione del capitale investito, senza alcun collegamento a qualsiasi logica di reinvestimento per il miglioramento qualitativo del servizio.

 

Abrogando questa parte dell’articolo sulla norma tariffaria, si eliminerebbe il “cavallo di Troia” che ha aperto la strada ai privati nella gestione dei servizi idrici, avviando l’espropriazione alle popolazioni di un bene comune e di un diritto umano universale.

 

 

 

A Binetto si può firmare in Piazza Umberto nelle giornate di domenica 25 aprile e sabato 1 maggio in Via Caduti di via Fani, presso il quartiere San Giuseppe



 

 

 


 

 

 

 

Libera Associazione Binetto - Piazza Umberto I nr. 1 - 70020 Binetto (BA)




Share
 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Grumonline.it" (clicca qui).

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent

REDAZIONE ON LINE

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA

SULLE ALI DELLA LIBERTA'
di Alessandro Fariello
Sulle ali della Libertà

Grumonline.it