clicca per info
  • BINETTO: DOMENICA 5 OTTOBRE RACCOLTA SANGUE DELLA 'FRATRES'

    Mercoledì 01 Ottobre 2014 16:05
  • REGIONE PUGLIA: COMUNICAZIONE SUI CONTRIBUTI CANONE LOCAZIONE 2012 A GRUMO APPULA

    Mercoledì 01 Ottobre 2014 15:24
  • GRUMO APPULA: L'ASSOCIAZIONE "ASD RED SCORPION SOFTAIR TEAM" DI SCENA AL TORNEO DI DOMICELLA (AV)

    Mercoledì 01 Ottobre 2014 10:30
  • IL GRUMESE VITO CATALDO PREMIATO AL “FESTIVAL NAZIONALE PER I MONOLOGHISTI TEATRALI”

    Mercoledì 01 Ottobre 2014 06:24
  • GRUMO APPULA: COMUNICATO PARTITO DEMOCRATICO

    Martedì 30 Settembre 2014 14:36
  • A GRUMO APPULA E BINETTO CONCLUSA LA "FESTA DEI LETTORI 2014", CON LA PRESENZA DEL BIBLIOMOTOCARRO

    Martedì 30 Settembre 2014 06:35

ALTRE NOTIZIE:     Binetto      Bitetto      Modugno      Toritto

World Car - Toritto

WORLD CAR

Stella Revisioni-Officina

Nicola Stella - Revisioni - Elettrauto

Autocarrozzeria-Palmadessa

Autocarrozzeria Palmadessa

Raccolta Differenziata

Autocarrozzeria Palmadessa

Riceviamo-pubblichiamo

Binettonline.it

Farmacie Grumo App.

Realizzazione siti web

Vai su WebInvent
Home Notizie LA MURGIA INVASA DA 74 PALE EOLICHE

LA MURGIA INVASA DA 74 PALE EOLICHE

PDF Stampa E-mail
Scritto da Mimmo Savino    Venerdì 03 Settembre 2010 10:32
altSettantaquattro pale eoliche nella bassa murgia. Lancia l’allarme Maria Teresa Capozza, portavoce del comitato «Pro Ambiente» di Palo. Dice: «Con il progetto Enel di un parco eolico in contrada pezza Rossa, sul territorio circostante potrebbero sorgere settantaquattro aerogeneratori, poiché quindici sono già stati autorizzate dalla Regione a Toritto e 6 a Grumo Appula...»




Palo del Colle Settantaquattro pale eoliche nella bassa murgia. Lancia l’allarme Maria Teresa Capozza, portavoce del comitato «Pro Ambiente» di Palo. Dice: «Con il progetto Enel di un parco eolico in contrada pezza Rossa, sul territorio circostante potrebbero sorgere settantaquattro aerogeneratori, poiché quindici sono già stati autorizzate dalla Regione a Toritto e 6 a Grumo Appula mentre sono in fase di autorizzazione altri quindici in agro di Mariotto, molto vicini a Pezza Rossa. Il tutto insiste sulla bassa murgia, l’unico spazio verde rimasto per respirare un po’ di tranquillità e aria buona».

Il comitato Pro Ambiente, il Circolo di Sinistra e libertà e il movimento Insieme per Palo, preparano la contromossa e inviano in zona cesarini, una serie di osservazioni sulla proposta di parco eolico con 36 aerogeneratori della potenza massima unitaria pari a duemila kw e potenza elettrica installabile di settantadue mw. Secondo le tre associazioni, infatti, «il Comune di Palo non è dotato di un piano regolatore degli impianti eolici (Prie) e, perciò, non è possibile autorizzare impianti sul territorio palese. Inoltre, il progetto deve essere sottoposto a valutazione di impatto ambientale; devono essere riaperti i termini di presentazione delle osservazioni per violazione del decreto legislativo 152/2006; approfondite le analisi sui rumori; esaminati gli aspetti paesaggistici e fornite simulazioni fotografiche più significative. Inoltre - ribadiscono le associazioni - è necessario che le autorità competenti valutino gli effetti sul paesaggio, in un ottica che tenga conto anche degli impianti eolici autorizzati nei comuni circostanti».

Intanto, si apprende che i mulini eolociipotrebbero essere più di trentasei, poiché altri due aerogeneratori di potenza unitaria pari a duemila kw e per una potenza nominale complessiva di impianto pari a quattro mw, potrebbero essere realizzati nelle campagne di località Mangiaquero, nel bel mezzo di contrada Pezza Rossa. Spunta, infatti, una delibera di consiglio comunale, la n. 10 del 31 marzo 2010, avente ad oggetto la «proposta di realizzazione di impianto di produzione di energia rinnovabile da fonte eolica».

Si apprende così, che ancor prima di Enel, già il 17 aprile 2007, con numero di protocollo 6693, la società «Decos srl», presentatava al Comune di Palo del Colle una prima proposta per la realizzazione di un impianto eolico. Per questo, il consiglio comunale, a stretto giro di maggioranza Pd-PdL, approvava uno schema di convenzione con la «Decos» che riconoscesse alle casse comunali un corrispettivo annuo a titolo di compensazione ambientale del 2% sui ricavi rivenienti dalla vendita dell’energia elettrica e nella percentuale del 2% sui ricavi rinvenienti dalla vendita sul libero mercato dei certificati verdi.



(a cura di Leonardo Maggio da www.lagazzettadelmezzogiorno.it)








Share
 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Grumonline.it" (clicca qui).

REDAZIONE ON LINE

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA
PSICOLOGA
Dott.ssa SETTE

Psicologa Dott.ssa Sette

Service Security

Service Security
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi1078
mod_vvisit_counterIeri3046
mod_vvisit_counterQuesta settimana10676
mod_vvisit_counterQuesto mese4124
Grumonline.it