clicca per info
  • GRUMO APPULA: ATTIVO L'AMBULATORIO INFERMIERISTICO NELL'EX OSPEDALE

    Sabato 12 Ottobre 2019 19:30
  • BINETTO: SABATO 26 OTTOBRE 2019 "6^ SAGRA DELLA CASTAGNA E SALSICCIA"

    Venerdì 11 Ottobre 2019 08:15
  • GRUMO APPULA: AL VIA I LAVORI AL PALAZZO MUNICIPALE E ALLA BIBLIOTECA

    Giovedì 10 Ottobre 2019 20:15
  • GRUMO APPULA: ARRESTATA COPPIA CHE TRASPORTAVA INGENTE QUANTITATIVO DI COCAINA IN AUTO

    Giovedì 10 Ottobre 2019 18:24
  • BINETTO: SABATO 26 OTTOBRE 2019 PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI MASSIMILIANO BARILE "KAPPADICUORI"

    Mercoledì 09 Ottobre 2019 08:25
  • BINETTO: ISCRIZIONI PER I CORSI "CULTURART"

    Mercoledì 09 Ottobre 2019 08:20

ALTRE NOTIZIE:     Binetto      Bitetto      Modugno      Toritto

Segui Redazione Online Network su Facebook


World Car - Toritto

WORLD CAR

Autocarrozzeria-Palmadessa

Cell: 324.5986467

Autocarrozzeria Palmadessa

RACCOLTA DIFFERENZIATA

G R U M O  A P P U L A

(esposizione mastelli tra le 5:00
e le 8:00)
Differenziata Grumo Appula

B I N E T T O

(esposizione mastelli tra le 19:00
e le 23:00)

IN VIGORE DAL 30/10/2016

Autocarrozzeria Palmadessa

RIFIUTI INGOMBRANTI
CHIAMARE:
GRUMO A. 800.036.459
BINETTO
800.999.531

Binettonline.it

Farmacie Grumo App.

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent

Condividi questa pagina con i tuoi amici

 

NESSUNO E' FORESTIERO NELLA NOTTE DELL'ABBEGNAVOC A BINETTO

Scritto da Mimmo Savino    Venerdì 06 Gennaio 2012 09:41
Come tradizione, la notte prima dell'Epifania a Binetto si è tenuta la manifestazione dell' "Abbegnavoc", come sempre organizzata dagli amici della L.A.B., Libera Associazione Binetto, a partire dalle 20:00 e fino a notte inoltrata...
 
 
 
 


Come tradizione, la notte prima dell'Epifania a Binetto si è tenuta la manifestazione dell' "Abbegnavocc", come sempre organizzata dagli amici della L.A.B., Libera Associazione Binetto, a partire dalle 20:00 e fino a notte inoltrata.






All'evento hanno partecipato in massa i cittadini binettesi e dei paesi limitrofi. Si potevano degustare i vari prodotti tipici, come le "pettole" e le “frittelle” e si poteva sorseggiare un ottimo vino locale o dell’acqua direttamente dalla fonte alla brocca.



Ecco un breve video dell'evento:

 




Sui muri interni alla piazzetta, invece, pubblicati i manifesti con la storia e la vera tradizione dell’Abbegnavoc e la storia di Commà Cigl’.



L’ABBEGNAVOC

Un tempo lontano, lontano, la notte del 6 gennaio a Binetto avvenivano degli eventi straordinari: gli animali ricevevano il dono della parola e venivano interrogati da un’alta signora vestita di nero, coperta da un ampio mantello con un largo cappuccio e con in mano una grande falce munita di campanella: la Morte.

 

A notte inoltrata, la Morte percorreva tutto il paese e si fermava innanzi alle porte ed ai cortili; interrogava gli animali domestici sul comportamento dei loro padroni con i loro simili e su come gli stessi trattavano gli animali. La Morte ascoltava silenziosamente e a volte ch’taiv (=contrassegnava) lo stipite della porta d’ingresso. Quel gesto stava ad indicare che qualcuno in quella casa sarebbe morto entro l’anno appena iniziato.

Per questo, nel pomeriggio del 5 gennaio i padroni per accattivarsi la fiducia dei loro animali, raddoppiavano la razione di cibo ed ogni componente della famiglia non dimenticava di passare dalla stalla. Quindi la sera le famiglie si riunivano e condividevano ciò che di buono la civiltà contadina metteva loro a disposizione (l’Abbegnavocc = riempire la bocca con cibo abbondante.).

Si trascorrevano momenti di allegria e sebbene consapevoli dell’imprevedibilità del futuro, confidavano nell’aiuto del buon Dio. Nel tardo pomeriggio il sacrestano del paese, con un teschio in mano, passava per le strade e bussando a ogni uscio diceva: “Morte mia Morte non ammazzarmi stanotte, ammazzami domani mattina affinché veda la mia Sabbellina”. Alla fine del giro il sagrestano racimolava qualche centesimo di lira.

Per convincere gli increduli sugli eventi che sarebbero avvenuti nella nottata, la più anziana della famiglia raccoglieva intorno a se tutti, grandi e piccini e, rigorosamente in dialetto, raccontava “la storia di Commà Cigl’”, una binettese vissuta tanti anni or sono che spavaldamente si vantava di non credere all’esistenza della Morte e, ancor di più, al fatto che la Morte, la notte dell’Epifania, passasse per i vicoli del paese.

Per molti anni, la vigilia dell’Epifania a Binetto, ogni famiglia ha continuato a organizzare l’Abbegnavocc e ancora oggi staremo nel cuore del centro storico del paese per passare una serata in compagnia e a raccontare la storia di Commà Cigl’ a monito per gli increduli che spesso dimenticano che la vita è imprevedibile.

 

la Libera Associazione Binetto

  

 

 

 





La storia di Commà Cigl'

La mattina del 5 gennaio di tanti anni fa, alcune binettesi discutevano per strada sulla preparazione dell'Abbegnavocc. Parlavano di pietanze, ma soprattutto si raccomandavano di abbondare nel cibare gli animali domestici e di chiudere bene usci e finestre visto che, a notte inoltrata, sarebbe passata la Morte. Quest'ultima avrebbe interrogato le bestie e avrebbe segnato gli stipiti delle porte d'ingresso delle case di coloro che sarebbero morti durante l'anno. Quest'argomento le faceva rabbrividire, ma la sfrontata Comma Cigl* derideva le amiche dicendo loro di non credere alle favole.

Una delle donne disse: "Guarda che la Morte questa notte passerà per il paese... indosserà un ampio mantello nero; la testa sarà coperta da un cappuccio e porterà con se un falcione luccicante   con   legata   sul   manico   una campanella tintinnante." Comma Cigl' irriguardosamente rispose che la notte avrebbe filato sulla sua terrazza, senza preoccuparsene". Comare Francesca la implorò ripetuta mente: "Non è come credi, la Morte arriva dove vuole!" Al calare del sole, in ogni casa, le famiglie si riunirono   per   l'Abbegnavocc.   Comare Francesca   era   turbata   dall'atteggiamento dell'amica e constatò che effettivamente non aveva desistito dal suo intento. Per l'ultima volta, Comare Francesca provò invano  a  far  cambiare  idea  alla  donna e preoccupata, si chiuse in casa. Nel cuore della notte, Comare Francesca udi l'inconfondibile tintinnio della campanella e da una fessura della propria porta si accorse che la Morte aveva iniziato il suo giro. Preoccupata chiamò l'amica: "Comma Cigl',   la Morte è già dietro la porta di Comare Angelina!" Le rispose: "Io sto filando, qui sono al sicuro". Dopo   un   po'      Comare  

Francesca,   che continuava a spiare i movimenti in strada, allenò: "Commi Cigl', la Morte è dietro la porta di Comare Manetta."Ma Comma Cigl', incurante, continuava a filare. A quel punto, Comare Francesca si infilò nel suo letto coprendosi la testa con il cuscino. Nel frattempo, fuori accadde l'irreparabile: la Morte giunse sotto casa di Comma Cigl' e saltò sulla  terrazza.  Comma  Cigl' ebbe  appena  il tempo     di guardare  in faccia  la Morte e di proferire   atterrita:   "Madonna   ...   la   Morte impazzita.. .allora è vero!.." La   Morte urlò   :   "Ah,   Morte   impazzita? Impazzita?... Tu non credevi che esistessi!" Con l'affilatissima lama del falcione afferrò la punta della lingua della sciagurata e con uno strattone le estrasse, in un solo colpo, la lingua e tutte le interiora e le appese al filo per stendere la biancheria.

Subito dopo afferrò il corpo esamine della Commà Cigl' e lo mise sotto una grossa caldaia di rame su cui lasciò un messaggio prima di allontanarsi.

All'alba, Comare Francesca provò inutilamente a chiamare la sua vicina e allertò i paesani.
Gli uomini sfondarono la porta, corsero sulla terrazza e si trovarono innanzi alla macabra scena; uno di loro lesse il messaggio:
" Tu non credevi che esistesse la Morte...e la Morte impazzita ti ha presa!"
Oramai non c'era più nulla da fare, se non seppellire la sfrontata compaesana.




(a cura di Mimmo Savino)



Ecco alcune foto, gentilmente concesseci da Angelo Chirico:

"Get the Flash Player" "to see this gallery."




Share
 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Grumonline.it" (clicca qui).

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent

REDAZIONE ON LINE

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA

SULLE ALI DELLA LIBERTA'
di Alessandro Fariello
Sulle ali della Libertà

Grumonline.it