clicca per info
  • GRUMO APPULA: DOMENICA 15 SETTEMBRE 3a EDIZIONE DEL "CANTABIMBO"

    Venerdì 13 Settembre 2019 17:47
  • GRUMO APPULA: LUNEDI 16 SETTEMBRE 2019 "STORIE DI API, PAESAGGI E MIELI"

    Mercoledì 11 Settembre 2019 08:12
  • BINETTO: SABATO 28 SETTEMBRE 2019 "SPORT IN VILLA"

    Mercoledì 11 Settembre 2019 08:06
  • GRUMO APPULA: ISCRIZIONI PER LA CORSA AMATORIALE BENEFICA "RUN4CARLA" DI DOMENICA 6 OTTOBRE 2019

    Mercoledì 11 Settembre 2019 08:01
  • SERVIZI SOCIALI: L'ON.ANGIOLA (M5S) INCONTRA IL DIRETTORE GENERALE DELLA ASL

    Lunedì 09 Settembre 2019 08:03
  • GRUMO APPULA: DOMENICA 8 SETTEMBRE 2019 "SERATA JAZZ E FUSION"

    Giovedì 05 Settembre 2019 08:24

ALTRE NOTIZIE:     Binetto      Bitetto      Modugno      Toritto

Segui Redazione Online Network su Facebook


World Car - Toritto

WORLD CAR

Autocarrozzeria-Palmadessa

Cell: 324.5986467

Autocarrozzeria Palmadessa

RACCOLTA DIFFERENZIATA

G R U M O  A P P U L A

(esposizione mastelli tra le 5:00
e le 8:00)
Differenziata Grumo Appula

B I N E T T O

(esposizione mastelli tra le 19:00
e le 23:00)

IN VIGORE DAL 30/10/2016

Autocarrozzeria Palmadessa

RIFIUTI INGOMBRANTI
CHIAMARE:
GRUMO A. 800.036.459
BINETTO
800.999.531

Binettonline.it

Farmacie Grumo App.

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent

Condividi questa pagina con i tuoi amici

 

"U VENERDI'A' SANDE", POESIA IN VERNACOLO GRUMESE

Scritto da Redazione OnLine Network    Martedì 31 Marzo 2015 10:18

Per la rubrica "Poesie grumesi", vi proponiamo una poesia in vernacolo grumese del nostro collaboratore Vito 'Ramses' Errico, dal titolo "U Venerdi'à Sande"...

   


Il dialetto ha la capacità di valorizzare le nostre tradizioni, di legare gli eventi attuali a quelli del passato. Nella libertà espressiva il dialetto grumese è un ponte che collega la cultura popolare alla cultura moderna disorientata.

Scrivendo questo componimento mi sono collocato immaginariamente a metà tra ciò che sopravvive e quello che probabilmente scomparirà col tempo.

Qui ho riconosciuto la grande forza caratterizzante del dialetto che restituisce un senso alle nostre originalità e le consegna costruttivamente alla modernità.

Non ho ricercato estetismi, né mi sono adeguato alle correnti di coloro che hanno la pretesa di imporre un linguaggio scritto definito.

Rimane la massima libertà creativa che deve rispettare gli unici due elementi indispensabili: il suono dialettale, con la sua sfera emozionale e l’accento tipico del grumese più genuino.
 

Auguro a tutti i temerari lettori una serena e Santa Pasqua.

Vito Errico



U Venerdì’à Sande

 


1.U sàule a la condràure a picche a picche s’allendene
mmènze alla vèjie nan rremmene manghe nu crestiêne,
peffìnghe i acère sàup’è iàrue fascene selenzjie
pe chèssa dèjie fatte de prèghijere e penetènze.

2.  Aqquànne se fascene le trajie
u penzìere, Ssegnòrre, còrre a Tajie,
a ciò ca patìste dolorosàmènde pe nèue
ca’assèmme dà chìdde Sande mene tèue.

3.  Nu picche pe reconoscènze è pe devozziòne
ognè jànne a Grèume se rennòvaisce la tradizziòne,
jinde a San Frangìsche i sande vènene ànnêsccèute
a jèune a jèune aggêstete in òrdene d’assèute.

4.  U tammùrre ascènne u Corse citte citte
rète stònne sèrie, ma vijespe, i chjierechìette,
linde linde arrèive u predelètte San Giuànne
pertête dè uàgnèune jìnd’ò ffiòre di iànne.

5.  Mmènze a fogghie e frascìdde tuerte
stê mbèce la stàtue de Criste all’ùerte
arrevegghjiête jinde a nu bèlle mande
ascònne tutte la paghèure è u chiànde.

6.  I crestiêne nu picche chiù arrabbiête
saup’è loggere onne n’ghianête,
velèssere ‘ngeriê chiù da vecèine
u tradetàure cà fò cause de ruèine.

7.  Ma i ioùcchie de Criste azzùrre e grànne
pere ca te discene  tànne tànne:
allàsse l’odjie e spìzze chèdda lange
mbarête mbèce a pòrge l’alda guànge.

8.  Squàdre d’ùmene e de uàgnèune
pronde stonne cu chestèume,
sàupe è spàdde ammandènene u pèise
fingh’à nan’fernèsce u gèire du pajèise.

9.  Sande Pìjete pò trà tutti i Sande
se dèisce u chiù pesànde,
sèmbe pe’d’ùldeme vène capête
forse perciê Criste jè rennèghete.

10.  I Sande chiù ambèite è chiù bèlle
sò  Criste alla Chelònne è alla Cannèlle,
aqquànne la saire s’appìccene i lescernêre
i faccie pigghiêne vèite e devèndene umêne.

11.  Pò, pegghiête nu picche da spavìende
vèite d’arrevè i Crocìfere penetìende,
mmènz’alla vèjie camìnene scalzête,
pòrtene na cràusce è stònne ngàppuccête.

12.  Jind’ò cappùccie nu bèuche pe resperê
se recanòscene crestiêne d’ogn’ètê,
granne e menìnne ca fascene u vòte
benedìtte da Jidde ca tutte pòte.

13.  Na vòlde passete tutte i tòneche
dolge dolge ascènne la Veròneche,
strènge jind’ è mene nu fazzuètte
na reliqui’à’sande de merlètte.

14.Pèure i frabecatèure du pajèise s’ànne       preparete
dope la Fenziàune s’ànne pèure chembessete,
annachèscene nu andèiche passe fisse
portene a spàdde u Sande Crengefìsse.

15.  La nòtte ascènne e chiù aschèure fesce l’arije
bèlle bèlle s’avvecèine la crausce du Calvàrie,
è pìete stê la Madonne e Criste tène mbrazze
cìtte cìtte se sènde: “Suzze”, “saup’è mazze”.

16.  Arceprìevete, autoretê e iùmene fuerte
stonne attùrne attùrne a Criste muerte,
la Neche  ca dondòlaisce che tànd’acchergemìende
pere u sebbólgre de nu Rrè chièine d’ornamìende.

17.  È angòre, nan me sò scherdête!
cà rèta rète vène l’Andolorête,
è pìete sèue stê na menènne ca fesce tenerèzza
tène na crausce m’biette, nge fesce na carèzze.

18.  A mmènzannotte pò desèrte se fesce la vèjie
nan se sènde chièue nèmmanghe na letànèie,
pèure agguànne jè stete tutte n’èmmozziòne
s’aspètte mò la Pasque è la Risurrèzziòne.



Il Venerdì Santo


1.Il sole alla controra a poco a poco si allontana
per la strada non rimane neanche una persona,
per fino gli uccelli sugli alberi fanno silenzio
in questo giorno fatto di preghiera e    penitenza.

2.Quando si fanno le tre del pomeriggio
il pensiero Signore, è rivolto a Te,
a quello che dolorosamente subisti per noi
che fummo fatti dalle Tue Sante mani.

3.Un po’ per riconoscenza e per devozione
ogni anno a Grumo si rinnova la tradizione,
nella chiesa di San Francesco i Misteri vengono riuniti
in ordine sequenziale.

4.La bassa banda su per il Corso suona silenziosamente
dietro di loro ci sono seri e vispi chierichetti,
lentamente arriva la statua di San Giovanni
sostenuta da ragazzi nel fiore degli anni.

5.Tra foglie e rami storti d’ulivo
c’è l’immagine di Gesù nell’orto,
coperto da un bel mantello
che nasconde l’umana paura e il pianto.

6.La gente un po’ più arrabbiata
sale sui balconi,
vorrebbe offendere Giuda
che fu la causa della rovina e del tradimento.

7.Ma gli occhi del Cristo che (in questa immagine) sono azzurri e grandi
ti disarmano immediatamente e dicono:
metti da parte l’odio e spezza la tua lancia (la violenza)
impara invece a porgere l’altra guancia.

8.Squadre di uomini e di ragazzi
sono pronti con l’abito scuro,
sulle loro spalle mantengono il peso
finché non termina il giro nel paese.

9.San Pietro poi tra tutti i Misteri
si dice sia quello più pesante,
viene scelto sempre per ultimo
forse perché rappresenta colui che rinnegò Cristo.

10.Mentre i Misteri più ambiti e belli
sono Gesù alla Colonna e Gesù Ecce Homo,
quando di sera si accendono i lumini
le loro facce prendono vita diventano umane.

11.Poi, con un po’ di spavento
vedi arrivare i crociferi penitenti,
essi vanno scalzi per la strada
portano sulle spalle una croce e sono incappucciati.

12.In ogni cappuccio c’è un buco per respirare
si riconoscono persone di ogni età,
grandi e bambini fanno questo voto
benedetti da Lui che tutto può.

13.Dopo il passaggio di tutti i Crociferi vestiti di tonaca
è il turno della Veronica,
Ella stringe nelle mani un fazzoletto
una reliquia santa di merletto.

14.Anche i muratori si sono preparati per l’occasione
dopo la Funzione (volgarmente chiamato il rito che in chiesa commemora la morte di Cristo) si sono confessati,
dondolano (caratteristico e antico passo delle processioni)  un antico passo fisso
portano a spalla il Santo crocifisso.

15.La notte scende e l’aria si fa più scura
piano piano si avvicina la croce del Calvario,
ai suoi piedi c’è la Madonna con Gesù in braccio
silenziosamente si sente: “Suzze”, “saup’è mazze”

16.Preti, autorità e uomini più forti
stanno intorno a Cristo Morto,
la Naca che dondola con tanti accorgimenti
sembra il trono di un re piena di ornamenti.

17.Ma ancora non ho dimenticato!
che alla fine c’è la statua dell’Addolorata,
ai suoi piedi c’è una bambina che fa tenerezza
stringe una croce al petto e gli fa una carezza.

18.A mezzanotte poi la strada si fa deserta
non si sente più nemmeno una litania,
anche quest’anno è stato tutto un’emozione
si aspetta ora la Pasqua e la Resurrezione.








 

Share
 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Grumonline.it" (clicca qui).

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent

REDAZIONE ON LINE

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA

SULLE ALI DELLA LIBERTA'
di Alessandro Fariello
Sulle ali della Libertà

Grumonline.it