clicca per info
  • BINETTO: SABATO 21 OTTOBRE 2017 "2^ SAGRA DELLE PETTOLE E DELLE OLIVE DOLCI"

    Martedì 17 Ottobre 2017 16:03
  • BINETTO: SABATO 28 OTTOBRE 2017 "4^ SAGRA DELLE CASTEGNE E DEL PANINO CON LA SALSICCIA"

    Martedì 17 Ottobre 2017 15:55
  • BINETTO: I BAMBINI DI ONCOEMATOLOGIA ALL'AUTODROMO DEL LEVANTE

    Lunedì 16 Ottobre 2017 12:06
  • ANCHE GRUMO APPULA NELLA MOSTRA FOTOGRAFICA "VARCHI DI PUGLIA" DEI 41 SCATTI DELL'AREA METROPOLITANA DI BARI

    Sabato 14 Ottobre 2017 09:29
  • SALUTO PUBBLICO DI PAPA FRANCESCO AI FEDELI DI GRUMO APPULA

    Mercoledì 11 Ottobre 2017 15:04
  • PRESENTAZIONE DOMANDE PER BONUS IDRICO PUGLIA (SCADENZA 31/12/2017)

    Sabato 07 Ottobre 2017 08:13

ALTRE NOTIZIE:     Binetto      Bitetto      Modugno      Toritto

G.D. SERVICE SECURITY

World Car - Toritto

WORLD CAR

Stella Revisioni - Officina

Nicola Stella - Revisioni - Elettrauto

Autocarrozzeria-Palmadessa

Cell: 324.5986467

Autocarrozzeria Palmadessa

RACCOLTA DIFFERENZIATA

G R U M O  A P P U L A

(esposizione mastelli tra le 5:00
e le 8:00)
Differenziata Grumo Appula

B I N E T T O

(esposizione mastelli tra le 19:00
e le 23:00)

IN VIGORE DAL 30/10/2016

Autocarrozzeria Palmadessa

RIFIUTI INGOMBRANTI
CHIAMARE:
GRUMO A. 800.588.216
BINETTO
800.999.531

Binettonline.it

Farmacie Grumo App.

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent
Home Notizie PELLEGRINAGGIO NOTTURNO FESTA MELLITTO 2017, COMUNICATO DELL'ASSOCIAZIONE "MANGIA E VIVI IL TERRITORIO"

PELLEGRINAGGIO NOTTURNO FESTA MELLITTO 2017, COMUNICATO DELL'ASSOCIAZIONE "MANGIA E VIVI IL TERRITORIO"

PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione Online Network    Martedì 16 Maggio 2017 09:14
Giunge in Redazione e pubblichiamo una lettera dell'Associazione Culturale "Mangia e Vivi il territorio - Grumo-Toritto", a firma del Presidente Antonio Grande, riguardante il pellegrinaggio notturno della Festa di Mellitto 2017...

 

 

Associazione culturale “ Mangia e Vivi il Territorio”

Grumo - Toritto

 

Ill.mo presidente

Comitato festa di Mellitto

Sede

p.c. Ill.mo Parroco

Parrocchia di Monteverde

Sede

 

 

Oggetto: programma festa campestre Maria Santissima di Mellitto.

 

A pubblicazione programma della sacra campestre della Madonna di Mellitto , mi preme evidenziare alcuni aspetti che non hanno riscontro con la tradizione popolare.

Riporto fedelmente quanto riportato dal programma : Venerdì 7 luglio , ore 20 partenza dalla chiesa di Monteverde e con fiaccolata faremo pellegrinaggio verso Mellitto , ore 22 messa al santuario e rientro a Grumo portando l’immagine della Madonna, rientro previsto alle ore 00 circa presso la chiesetta della Trinità . Ebbene, prima di disquisire del punto in questione ,mi preme evidenziare alcuni aspetti storici. La celebrazione della festa della Madonna di Mellitto era la prima domenica di maggio e raccoglieva migliaia di fedeli non solo di Grumo, ma di tutti i comuni limitrofi perché la tradizione narra che la sacra era la festa del mandorlo. Infatti in quel periodo il fiore del mandorlo si trasforma in “ aminur a tunerd” e tutte le celebrazioni erano incentrate sulla richiesta di un buon raccolto. Raccoglieva migliaia di fedeli non solo dei paesi limitrofi ma di tutta la conca barese, che consideravano l’albero del mandorlo fonte di benessere, a tal punto che viene anche menzionato nel canto popolare della SS. Madonna di Mellitto. A fine pellegrinaggio dopo la celebrazione eucaristica la civica amministrazione o un benestante distribuiva ai fedeli dei cerali, che con il passar del tempo sono stati sostituiti con una forma di pane unica la famosa “Paned” di 400g ( cfr. “ Notizie su Grumo Appula del Dott. Nicola Ciccimarra 1898”). La ” panella” di 400g era il fabbisogno giornaliero per una famiglia di media di 6 persone e da questo gesto la festività della Madonna di Mellitto è stata definita la festa dei poveri. Con l’evoluzione dei tempi, la Madonna di Mellitto è divenuta venerata solo del territorio di Grumo, infatti la festa fu posticipata dalla prima domenica di maggio a fine luglio inizio d’agosto, a raccolto della mandorla e a sostituzione della festa fu istituito un pellegrinaggio all’ultimo sabato d’aprile. Il pellegrinaggio era organizzato dalle donne popolane che partivano a piedi da Grumo con la croce sino al santuario di Mellitto e entravano in chiesa in ginocchio chiedendo sempre che il fiore del mandorlo diventasse “ aminun a Tmerd”. Dopo la celebrazione della messa veniva offerto dalla civica amministrazione o da un benestante dei cereali o la paned di 400g. Il pellegrinaggio veniva effettuato per ben 4 sabati consecutivi fino a quando il fiore del mandorlo non diventa mandorla su tutto il territorio locale. Questo pellegrinare era prevalentemente delle sole donne in quanto gli uomini lavoravano nei campi, e la tradizione vuole che il giorno della festa, la Madonna veniva portata a spalla da ragazze che si volevano maritare previa ” l’iscrizione alla colonna”. Ciò spiga perchè la Santissima Madonna di Mellitto è considerata la Madonna delle donne( LaMadon di femn). Ebbene, questo avviene anche nei nostri giorni, mi è sembrato doveroso accenni storici al fine di far conoscere ai moltissimi ragazzi e ragazze che si recano in pellegrinaggio la storia della Madonna di Mellitto, ( o festa dei poveri). Fatta questa doverosa premessa , come associazione non condividiamo il Presidente del comitato di Mellitto a fine omelia dell’ultimo sabato d’aprile che illustrando il programma, rivolgendosi ai fedeli, ha testualmente affermato ” l’obolo alla Madonna non è solo la “panella” ma la Madonna necessita di altre opere”. Condividiamo il concetto che la Madonna necessita di altre opere , ma la “panella” sig. presidente, non è un obolo alla Madonna ma semplicemente un atto di carità che un benefattore fa ai concittadini rimanendo nell’innominato con la benedizione della Madonna. Mentre per noi fedeli ricevere la” panella” benedetta della Madonna è sinonimo di fede in quanto quel pezzo di pane benedetto, viene portato a casa per darlo ai bambini, ai nonni, a agli ammalati e dire “ Tieni un pezzo della “panella” benedetta della Madonna”.

Come Associazione Culturale siamo del tutto contrari al pellegrinaggio notturno per i motivi di seguito elencati.

La tradizione popolare narra del miracolo del mandorlo ( non abbiamo trovato riscontro certi ), mi è stata raccontata da Gaetano Bizzoco molto noto a Grumo per la sue conoscenze locali e giardiniere eccelso ( ideatore, disegnatore e realizzatore della pineta comunale )

Ebbene baa Gaetano come solevo chiamarlo un pomeriggio d’estate in pineta mi racconto il miracolo del mandorlo, era un sabato di maggio che le donne andavano a Mellitto con la croce per chiedere il buon raccolto e mentre passavano c’era un contadino che aveva solo un piccolo pezzetto di terra con pochi alberi e un albero di mandorlo secco, al passaggio della croce il contadino prego la Madonna per il raccolto, ebbene dopo un paio di giorni si accorse che l’ albero del mandorlo secco era rifiorito, ( come sopra ho detto nei testi consultati non ho trovato riscontro, ma per fede io ci credo ) anche se Baa Gaetano mi indico anche il campo dove avvenne il miracolo nelle vicinanze dell’albero lungo che nella tradizione locale rappresenta circa la metà della strada comunale Grumo /Mellitto. L’albero lungo casualmente è la metà della strada che collega Grumo Mellitto ma in effetti è uno dei quattro cardini che rappresenta il territorio di Toritto.

La Madonna di Mellitto quando lascia la sua casa e viene in paese la sua processione deve avvenire in pieno giorno come pure il rientro, in quanto la Madonna lungo il tragitto, come la tradizione narra, e benedice i campi e il raccolto e al suo passaggio i contadini si inginocchiano, si tolgono il cappello e cantono l’inno alla Madonna.

Troviamo riscontro in questo anche nei testi Sacri della Chiesa in quanto la Vergine Santissima porta Luce e le sue apparizioni sono state di giorno! In virtù di questo la tradizione vuole che l’arrivo a Grumo della Madonna non è nelle ore notturne in cui fa meno caldo ma proprio a mezzogiorno perché il sudore che si prova durante il pellegrinaggio rappresenta la fatica che provano i contadini dopo una giornata di lavoro. Arrivati a Grumo la Madonna si ferma nella prima chiesa che trova nel suo cammino “ la Chiesetta della Trinità” dove Le viene tolto il mantello proprio come un contadino toglie i suoi abiti dopo una giornata trascorsa nei campi , e nel pomeriggio le donne accompagnati dai mariti , rientrati dal lavoro , vanno in processione fino alla chiesa di Monteverde . La madonna non ha mai sostato di notte nella chiesa della Trinità.

La notte rappresenta le tenebre, il voler tenere nascosto qualcosa! E’consuetudine, infatti a chi viene ammazzato per atti criminosi , svolgere il funerale prima del sorgere del sole , o in passato, a chi consumava il matrimonio prima della celebrazione Eucaristica effettuare il Sacramento prima che il gallo annunci il Mattino.

Egregio Presidente, la tradizione vuole che la Madonna SS. di Mellitto arrivi a Grumo non con il calar della notte ma di giorno in quanto è portatrice di luce e benessere.

Presidente possiamo capire l’innovazione ma la trazione non va stravolta anzi va divulgata in modo corretto e non arbitrario, capiamo che ormai è quasi impossibile stravolgere il programma ma ci sono i tempi quantomeno per modificarlo, Vi proponiamo di effettuare il pellegrinaggio notturno partendo da Grumo alle 20:00 e adorare la Madonna tutta la notte e ripartire ila mattina in modo che l’arrivo della Madonna sia a Grumo sia verso mezzogiorno non stravolgendo la tradizione che per altro è un atto che non Vi compete. Nell’eventualità le sue decisioni siano irremovibili invitiamo i nostri concittadini a disertare il pellegrinaggio in quanto atto non dovuto.

Tanto le dovevo, porgo distinti saluti

 

Ass. Culturale Mangia e Vivi il Territorio

ANTONIO GRANDE

 

 

 

 

 

 

 
 
Share
 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Grumonline.it" (clicca qui).

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent

REDAZIONE ON LINE

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA

SULLE ALI DELLA LIBERTA'
di Alessandro Fariello
Sulle ali della Libertà

Grumonline.it